Reato di truffa, querela, rinvio a giudizio e costituzione di parte civile





Mio marito ha affidato tutti i nostri risparmi ad un suo amico che avrebbe dovuto investirli in borsa mentre li ha persi tutti tra borsa e scommesse sportive. Premesso che non è un promotore finanziario, cosa rischia se gli facciamo causa? Abbiamo diritto alla restituzione dei soldi e in che tempi?
Grazie  
P.S.: Volevo aggiungere che il debitore ha uno stipendio fisso e una casa.
Cordiali saluti



Parere legale gratis - parere legale on line



Dovete sporgere querela per il reato di truffa previsto dall'articolo 640 del codice penale, nei confronti del vostro conoscente (non parlerei di amico alla luce di quanto accaduto !!!).
Si tratta del principale delitto contro il patrimonio, mediante frode, previsto dal codice penale:

Articolo 640 del codice penale. Truffa.
Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro 1.032 . La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da euro 309 a euro 1.549:

1. se il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare;

2. se il fatto è commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l'erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell'autorità. Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra taluna delle circostanze previste dal capoverso precedente o un'altra circostanza aggravante.


Per sporgere querela, è necessario recarsi presso gli uffici della polizia giudiziaria (carabinieri/polizia di stato), personalmente; il personale di polizia provvederà a verbalizzare l'accaduto, oltre alla vostra volontà di querelare il truffatore.

Con il rinvio a giudizio del vostro conoscente, avrete diritto di costituirvi nel processo penale, come parte civile, al fine di chiedere la restituzione del denaro sottratto illegittimamente, oltre al risarcimento del danni cagionati ( … oltre agli interessi maturati nel tempo).
Il vostro conoscente rischia inoltre, la reclusione da uno a cinque anni.
La circostanza che il truffatore abbia beni intestati è per voi, estremamente favorevole, in quanto vi metterà in condizione di soddisfare il vostro credito, assoggettando ad esecuzione forzata, gli immobili del vostro conoscente.
Non perdere altro tempo; vai immediatamente a sporgere querela per truffa. La circostanza per cui l’ “amico” non è un promotore finanziario, è assolutamente irrilevante, ai fini del sorgere della sua responsabilità penale.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.