Responsabilità dei soci della società a responsabilità limitata





Buon giorno,il mio quesito e' questo:mia madre e' stata amministratore delegato di una societa' SRL , ora non lo e' piu' c'e' un nuovo amministratore da circa un mese. Nel periodo di amministrazione di mia madre la societa' a conseguito dei debiti verso l' erario, irpef, irap, contributi ecc.,volevo sapere se il debito verso l' erario di mia madre viene assorbito dal nuovo amministratore,mia madre essendo nullatenente rischia qualcosa?L'erario si puo' rivalere su mio padre essendo in comunione di beni (puo' pignoragli la pensione).GRAZIE CORDIALI SALUTI



Parere legale gratis - parere legale on line



Ai sensi dell’articolo 2462, I comma del codice civile, in materia di responsabilità dei soci della S.R.L., nella società a responsabilità limitata per le obbligazioni sociali risponde soltanto la società con il suo patrimonio.

Articolo 2462: Responsabilità.

Nella società a responsabilità limitata per le obbligazioni sociali risponde soltanto la società con il suo patrimonio.
In caso di insolvenza della società, per le obbligazioni sociali sorte nel periodo in cui l'intera partecipazione è appartenuta ad una sola persona, questa risponde illimitatamente quando i conferimenti non siano stati effettuati secondo quanto previsto dall'articolo 2464, o fin quando non sia stata attuata la pubblicità prescritta dall'articolo 2470.


I soci e l’amministratore delegato della società non risponderanno dei debiti fiscali, con il proprio patrimonio personale; la società risponderà alle pretese economiche dell’agenzia delle entrate, esclusivamente con il patrimonio societario.
Il patrimonio personale di tua madre non correrebbe alcun rischio, nemmeno se la stessa fosse ancora amministratore delegato della S.R.L..
Se i debiti fiscali si riferiscono ad una annualità d’imposta, durante la quale tua madre era amministratore delegato, l’agenzia delle entrate farà riferimento a lei, nonostante attualmente non ricopra più la suddetta carica, invitandola presso i suoi uffici.
Tale circostanza non equivale tuttavia, a considerare il patrimonio personale di tua madre a rischio, ai sensi dell’articolo 2462, I comma del codice civile.
Se il patrimonio di tua madre non risponderà dei debiti fiscali della società, a maggior ragione il patrimonio personale di tuo padre non deve essere considerato in discussione.
Tuo padre, per nessuna ragione al mondo potrebbe rispondere con i suoi beni o con i beni della comunione legale, dei debiti societari. Né tanto meno, corre il rischio di subire un pignoramento della pensione.

Perché non cessate l’attività della società e la mettete in liquidazione ???
Successivamente iniziate l’identica attività, con una nuova S.R.L. con una ragione sociale diversa !!! E’ un ottima idea per far sì che l’agenzia delle entrate non recuperi un solo euro delle imposte che non sono state pagate. Un  modo semplice di gabbare il fisco …
Se la società di capitali non c’è più, in quanto cessata e cancellata dal registro delle imprese, l’agenzia delle entrate non può pretendere le somme accertate, per tributi non pagati, da nessuno dei soci, né tanto meno dalla “nuova” società.
Altrimenti perché si chiamano società di capitali e non di persone: perché a rispondere dei debiti sono soltanto i capitali societari e non le persone dei soci !!!
Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.