Notifica diffida prefetto approvazione rendiconto comunale





Devo notificare degli atti ai consiglieri comunali provenienti dal prefetto sull'approvazione del rendiconto entro 20 gg dall'ultima notifica

RISPOSTA

Il rendiconto doveva essere approvato dal consiglio comunale entro il 31 maggio 2021; non essendo stato approvato, il Prefetto ha diffidato i consiglieri all'approvazione del rendiconto. In assenza di approvazione del rendiconto, si applica la sanzione dello scioglimento del consiglio comunale (art. 227, comma 2-bis e art. 141, comma 2, del Tuel d.lgs. n. 267/2000).



(atti che mi sono stati consegnati a mano dagli amministratori) …

RISPOSTA

Dovrebbe essere il segretario generale a disporre la notifica della diffida prefettizia, tramite il messo comunale; oppure il presidente del consiglio comunale (se eletto all'interno dell'assise consiliare).



Le notifiche sono state fatte regolarmente a tutti con relata, tranne ad uno che ha residenza fuori comune. I miei responsabili mi hanno detto che hanno inviato una normale pec a tale consigliere e che quindi non dovevo preoccuparmi a notificare perché andava bene anche la semplice pec, secondo voi è valida come notifica?

RISPOSTA

' valida a condizione che:
a)codesto consigliere abbia chiesto con nota regolarmente protocollata, di ricevere tutte le notifiche al proprio indirizzo pec, autorizzando espressamente gli uffici comunali all'invio presso tale indirizzo personale di posta elettronica
b)il settore affari generali – affari istituzionali del comune abbia acquistato una pec istituzionale per ciascun consigliere, in modo da velocizzare le notifiche, nonché contenere i relativi costi
c)il regolamento del consiglio comunale prevede espressamente la notifica a mezzo pec
Diversamente, sarà necessario procedere con la notifica effettuata secondo le norme del codice di procedura civile (anche la notifica a mezzo posta).
Qual è l'errore da evitare?
Spesso un consigliere ha una sua pec personale per ragioni di lavoro.
Ad esempio un consigliere medico ha la pec personale del proprio ordine professionale … oppure un consigliere avvocato.
Gli uffici comunali, per il semplice fatto di essere venuti a conoscenza di questa pec personale del consigliere medico oppure avvocato, ritengono erroneamente che sia legittimo utilizzarla per le notifiche ufficiali degli atti del consiglio comunale!
Ma nessuno mai ha autorizzato gli uffici comunali ad utilizzare le pec personale per la notifica al consigliere.
Il consigliere potrebbe replicare che lui apre quella pec una volta al mese … non essendo tenuto ad aprirla tutte le settimane …
Spero di essere stato sufficientemente concreto nella mia spiegazione.
A disposizione per chiarimenti.
Cordiali saluti.

Fonti: