Reverse charge IVA lavori di ristrutturazione edilizia





Un'impresa edile sta effettuando dei lavori di ristrutturazione edilizia ad un soggetto privato, ha emesso la fattura con la dicituta "reverse charge art.17, comma 6 lettera A TER" è POSSIBILE?
GRAZIE

 

RISPOSTA

 

Non è possibile, giacché il cessionario è un soggetto privato, privo di partita Iva; per applicare il Reverse Charge è necessario che entrambe le parti siano soggetti passivi IVA e che il destinatario del bene risieda nel territorio dello Stato italiano. L’articolo 17, comma 5, del D.P.R. n. 633/72, prevede l’assolvimento dell’IVA da parte del cessionario soggetto passivo d’imposta, quale meccanismo generale del Reverse Charge. L’obiettivo del meccanismo fiscale infatti, è quello di ridurre il rischio di evasione dell’imposta: invertendo l’obbligo del versamento (dal cedente al cessionario), si evita in sostanza che l’acquirente porti in detrazione il tributo che potrebbe non essere versato all’Erario da parte del cedente.
Di conseguenza, logica giuridica vuole che entrambe le parti coinvolte contrattualmente siano soggetti passivi Iva anche nella fattispecie di cui alla suindicata lettera a-ter)

A conferma:

INVERSIONE CONTABILE - REVERSE CHARGE art. 17 lett. a-ter DPR 633/1972

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: