Articolazione orario di lavoro su sei giorni settimanali CCNL studi professionali





CCNL STUDI PROFESSIONALI
DISTRIBUZIONE ORARIO SETTIMANALE ART. 74
L'ORARIO SETTIMANALE DI LAVORO E' DISTRIBUITO SU 5 O 6 GIORNATE ; IN QUEST'ULTIMO CASO LA CESSAZIONE DELL'ATTIVITA' LAVORATIVA AVVERRA' , " DI NORMA " , ENTRO LE ORE 13 DEL SABATO.
TRATTANDOSI NEL NOSTRO CASO DI UNA CLINICA DENTISTICA CHE INTENDE GARANTIRE L' APERTURA ANCHE NELLA GIORNATA DEL SABATO CON CONSEGUENTE PRESTAZIONE LAVORATIVA DI ALCUNI DIPENDENTI , SI CHIEDE SE SIANO POSSIBILI LE SEGUENTI ARTICOLAZIONI DI ORARIO:
DIPENDENTE A TEMPO PIENO , ARTICOLAZIONE DELL'ORARIO COMPRESO IL SABATO CON CESSAZIONE ATTIVITA' LAVORATIVA ORE 14,30 , COMUNQUE 5 GIORNI LAVORATIVI IN TOTALE ( ES. NON LAVORATIVO IL GIOVEDI' ).

 

RISPOSTA

 

E' perfettamente fattibile ! È conforme alla contrattazione collettiva, articolo 74.
La previsione per cui “DI NORMA” (in seguito capiremo cosa significa DI NORMA) l'attività lavorativa deve cessare alle 13 del sabato, risulta applicabile soltanto ai dipendenti che vedono spalmato su sei giornate lavorative, l'orario settimanale di lavoro.
In questo caso, si tratta di un dipendente che vede spalmato il suo orario settimanale in cinque giorni lavorativi.



- DIPENDENTE A TEMPO PARZIALE, ARTICOLAZIONE DELL'ORARIO COMPRESO IL SABATO CON CESSAZIONE ATTIVITA' LAVORATIVA ORE 14,30 COMUNQUE 5 GIORNI LAVORATIVI IN TOTALE ( ES. NON LAVORATIVO IL MERCOLEDI' ). TRATTANDOSI DI SPECIFICHE ARTICOLAZIONI DOVUTE AD ESIGENGE DELLO STUDIO BEN SPECIFICHE ED ESSENDOCI ACCORDO TRA LE PARTI , LA DEROGA A QUANTO PREVISTO CONTRATTUALMENTE, E' LEGGITTIMA ?

 

RISPOSTA

 

Confermo quello che hai scritto nel modo più assoluto. Anche in questo caso, si tratta di un dipendente che vede spalmato il suo orario settimanale in cinque giorni lavorativi. La circostanza per cui il suo contratto di lavoro è part time anziché full time, non cambia le conclusioni della presente consulenza.
Cosa significa DI NORMA? Normalmente! Normalmente ossia in assenza di specifiche esigenze organizzative.
Perché non si possono trattare allo stesso modo, i dipendenti di una studio legale (visto che il tribunale è chiuso al sabato pomeriggio), dai dipendenti di uno studio dentistico!!!
Trattare due situazioni differenti in modo eguale, equivale a trattare due situazioni eguali in modo diverso tra loro …

Ripeto: non possiamo nemmeno parlare di deroga al contratto collettivo, consensualmente pattuita con il contratto individuale di lavoro, visto che quella previsione contrattuale si applica soltanto ai dipendenti che vedono spalmato l'orario settimanale di lavoro, in sei giorni lavorativi.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.

Fonti: