Non è ammissibile la richiesta di concessione di passo carrabile da parte del singolo comproprietario dell'edificio





Gentilissimo Avvocato volevo chiederle informazione in merito alla regolamentazione dei passi carrabili. Io abito in un abitazione che ha in comune con i miei vicini l'ingresso ai garage. Preciso che l'ingresso unico immette ad una rampa che porta ai due garage. Volevo sapere se il mio vicino può chiedere il "passo carrabile" senza la mia autorizzazione. Grazie e buon lavoro



RISPOSTA



E' ovvio che in assenza del consenso dell'altro comproprietario, il tuo vicino non potrebbe nemmeno presentare richiesta di concessione di passo carrabile. A conferma, vorrei che leggessi il modello standard per la richiesta di concessione di passo carrabile: come vedi, occorre allegare una scrittura privata contenente l'assenza degli altri comproprietari dell'edificio.

http://www2.comune.genova.it/servlets/resources?contentId=490211&resourceName=allegato2

Considera che il passo carrabile comporterà necessariamente un costo a carico dei beneficiari, ossia un contributo da pagare al comune per la concessione dello stesso. Il comune non potrebbe addebitare nei tuoi confronti un costo, senza avere dapprima accertato il tuo consenso a beneficiare del passo carrabile.

Tanto premesso, senza la tua firma, la richiesta di passo carrabile del tuo vicino sarà archiviata dagli uffici comunali.
Se il tuo vicino dovesse auto-certificare nella domanda di concessione di passo carrabile, di essere “unico proprietario”, al fine di aggirare l'ostacolo del tuo assenso, lo denuncerai penalmente per il reato di dichiarazione mendace in autocertificazione.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.