Dichiarazione di successione omessa





Buongiorno, mia nonna paterna è morta nel gennaio 2008 e a suo tempo mio padre non aveva la disponibilità economica per pagare la successione. Non so dove, però ha saputo che dopo 6 anni la successione era automatica e non pagava nulla. Io non penso che sia così. Comunque dal 2008 noi viviamo nella casa di proprietà della nonna. Vorrei sapere che cosa potrebbe accadere nei prossimi anni e nel caso se io in qualità di nipote diretta della defunta posso pagare la successione e risultare come proprietaria dei beni che erano della nonna. cordiali saluti



RISPOSTA



In caso di omessa dichiarazione di successione l'accertamento d'ufficio con liquidazione -o riliquidazione- dell'imposta dovuta puo' avvenire entro cinque anni dalla scadenza del termine per la presentazione della dichiarazione omessa. La norma di riferimento è l'articolo 27, comma 4, secondo periodo, del decreto legislativo n. 346 del 1990.

Se la nonna è deceduta nel gennaio 2008, la successione doveva essere presentata entro gennaio 2009, quindi l'agenzia delle entrate avrebbe potuto sanzionarvi per mancata presentazione della dichiarazione di successione fino al gennaio 2014.

Premesso che

1. è sempre obbligatorio presentare la denuncia di successione all'agenzia delle entrate, a meno che ricorrano entrambe le seguenti condizioni:
a) l'eredità sia devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del de cujus;
b)  l'attivo ereditario abbia un valore non superiore ad euro 25.822,84 e non comprenda beni immobili o diritti reali immobiliari.

2. Il termine per la presentazione della dichiarazione di successione è di un anno dalla data di apertura della successione, ossia dalla morte del “de cuius”. La dichiarazione deve essere presentata all’Ufficio dell'agenzia delle entrate del luogo dell'ultima residenza della persona deceduta. Possiamo affermare che l'agenzia delle entrate non ha avuto il tempo di accertare la vostra omissione e possiamo altresì affermare che … questa volta vi è andata bene …

Ai sensi dell'articolo 50 del D.lgs. 346 del 1990, la sanzione per l'omessa dichiarazione di successione, varia dal 120% al 240% dell'imposta liquidata o riliquidata dall'ufficio dell'agenzia delle entrate, ovvero da 500.000 lire a 2.000.000 lire se l'imposta non è dovuta.

A disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti.