Risoluzione del contratto per inadempimento ditta





Gentile avvocato, ho stipulato un contratto per l'installazione di 44 pannelli fotovoltaici sul tetto di casa mia. Sono passati tre anni e di pannelli, la ditta ne ha installato soltanto 22. Allego il contratto in questione. E' possibile annullare il contratto ?

Resto in attesa e complimenti per il servizio.



RISPOSTA



Annullare il contratto non è l’opportuna terminologia tecnico-giuridica da utilizzare; si tratta di risolvere il contratto (risoluzione per inadempimento della controparte contrattuale), a mezzo di una diffida ad adempiere, notificata alla controparte, con raccomandata con ricevuta di ritorno, ai sensi dell’articolo 1454 del codice civile.

Articolo 1454 - Diffida ad adempiere.

Alla parte inadempiente l'altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine, con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s'intenderà senz'altro risoluto.
Il termine non può essere inferiore a quindici giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore.
Decorso il termine senza che il contratto sia stato adempiuto, questo e' risoluto di diritto.

La lettera deve evidenziare innanzitutto l’inadempimento della controparte (l'impianto non e' stato ancora installato, solo una parte dei pannelli è stata portata sul tetto (22 pannelli su 44), ma non collegata all'impianto), poi il mancato rispetto del contratto, sottoscritto in data xx/xx/xxxx.

Occorre in seguito, intimare alla controparte di adempiere, entro un congruo e ragionevole termine (entro due/tre mesi dalla notifica della diffida ad adempiere), ossia di completare l’installazione dei pannelli e di collegarli all’impianto.

Nel caso in cui l’inadempimento dovesse protrarsi, oltre il termine da te indicato, il contratto si intenderà risolto e tu avrai facoltà di rivolgerti al tuo legale di fiducia, per citare in giudizio la controparte contrattuale inadempiente, al fine di chiedere la condanna al risarcimento dei danni subiti, a causa della perdita degli incentivi europei e dell’inadempimento in generale della ditta.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti.