Lettera di diffida esempio: costituzione in mora dei creditori





Salve, in pratica mia cugina ha firmato un contratto di locazione, lo scorso anno, a Roma, con altre 2 ragazze, per andare all'università. Per problemi d salute, la ragazza in questione, Marta, ha recesso il contratto mandando una r/a a mano al locatario, il quale ha firmato la recessione accettandola.. Marta si è comunque impegnata a continuare a pagare la casa per i 6 mesi successivi, e per trovare una ragazza disposta al subentro del contratto, in quanto nella casa ha lasciato tutto il mobilio in precedenza da lei acquistato. Le ex coinquiline non permettono a nessuno di entrare a visionare la stanza, né vogliono recedere il contratto, pertanto vi chiedo la composizione di una lettera di avviso alle 2 ragazze che devono lasciar entrare a visionare la stanza, altrimenti, alla scadenza dei 6 mesi mia cugina sarà libera di non pagare più le spese senza conseguenze legali (gusto???) inoltre che i danni eventuali recati alla casa saranno a carico loro in quanto Marta non vi abita più dal 7/06/2012. Sono in possesso del contratto e della lettera di recesso qualora vi dovesse servire per comporre la lettera. attendo presto notizie. Cordiali Saluti



RISPOSTA



Ecco la lettera di diffida.

OGGETTO: COSTITUZIONE IN MORA DEI CREDITORI.

Gentili colleghe ed ex coinquiline, la presente per significarVI quanto segue.
1)In data xx/xx/xxxx, ho comunicato con raccomandata a mano, il mio recesso dal contratto di locazione, stipulato in data xx/xx/xxxx, al proprietario, sig. Tizio, per i seguenti motivi: ________.
2)Al momento del recesso contrattuale con Tizio, mi sono impegnata a pagare le successive sei mensilità di locazione, fintanto che non avrei trovato una ragazza disponibile al subentro nel contratto di locazione dell'appartamento ubicato in ________________.
3)Da parte vostra, ho riscontrato l'irragionevole ed illegittimo rifiuto a consentirmi di lasciar visionare la mia stanza a potenziali locatarie, ragazze disposte a subentrare nel contratto, nemmeno durante fasce orarie predeterminate e con preavviso di 24 ore.

Tanto premesso, laddove il vostro comportamento ostruzionistico dovesse proseguire ad oltranza, al termine del semestre successivo al mio recesso, sarò libera da ogni obbligazione contrattuale ed il proprietario dovrà rivalersi esclusivamente su di voi, per il pagamento dell'affitto.

Ai sensi dell'articolo 1206 del codice civile infatti, il creditore che “non compie quanto è necessario affinché il debitore possa adempiere l'obbligazione, è da considerarsi in mora”.

Con la presente confermo che i danni eventuali arrecati alla casa, successivamente al mio recesso del xx/xx/xxxx, saranno completamente a carico vostro, non avendo avuto più accesso all'abitazione dallo scorso 7 giugno.

Si notifica per conoscenza, una copia della presente diffida al proprietario dell'appartamento.

Distinti saluti.

Luogo data firma.